Cia, burocrazia nemico agricoltori

Il peggior nemico dell'agricoltura sarda? La burocrazia. All'affollata assemblea regionale della Confederazione italiana degli agricoltori (Cia) a Tramatza lo hanno rimarcato un po' tutti, dal presidente regionale Francesco Erbì a quello nazionale Dino Scanavino e in qualche modo anche lo stesso assessore regionale dell'Agricoltura Pierluigi Caria, che riferendosi alla macchina amministrativa della Regione e del suo assessorato in particolare ha dovuto ammettere che "abbiamo una 500 per correre una gara di Formula 1". "Ogni agricoltore sta 103 giorni davanti agli sportelli della Pubblica amministrazione", ha spiegato Erbì sostenendo che vi è la necessità di riscrivere per intero la politica agricola della Sardegna e di mettere in campo una "riforma totale della Pubblica amministrazione". Nel mirino degli agricoltori anche l'Unione europea. Secondo Scanavino infatti "I ritardi della Pac denunciati della Sardegna sono in linea con quel che accade nel resto dell'Italia. E questo certifica l'inadeguatezza degli strumenti comunitari". Chiamato in causa anche il nuovo Governo nazionale: "Deve tagliare i pesi morti dell'agricoltura italiana e convertirli in risorse". I diretti interessati, agricoltori e allevatori, però non sono esenti da colpe perché i ritardi nei pagamenti dei premi comunitari, come ha rivelato l'assessore Caria, sono dovuto nel 15% dei casi all'indicazione di un Iban sbagliato e spesso anche alla presentazione di documenti scaduti. Un'occasione importante di confronto tra agricoltori e pubblica amministrazione regionale sarà l'appuntamento con gli Stati generali dell'agricoltura che l'assessore Caria ha annunciato per il 20, 21 e 22 settembre a Cagliari.(ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sardegna News
  2. SardegnaLive
  3. Sardegna Oggi
  4. SardegnaLive

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Modolo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...